Bonifica e smaltimento amianto
Venezia Padova Vicenza Verona Treviso Belluno Rovigo Ferrara



Monetti Group è abilitato alla bonifica e smaltimento dell'amianto ed è iscritto all'Albo Nazionale Gestori Ambientali n. VE/019322.

L'amianto (o asbesto) è un minerale naturale a struttura fibrosa del gruppo dei silicati, appartenente alle serie mineralogiche del serpentino e degli anfiboli.

Negli anni passati esso veniva usato in grandi quantità nell'edilizia soprattutto per produrre la miscela cemento-amianto, comunemente conosciuta come Eternit.

L'Eternit, fu creato nel 1901 dall'austriaco Ludwig Hatschek che ne brevetta la miscela e la rivende nel 1903 ad Alois Steinmann il quale, nel1903, apre a Niederurnen le Schweizerische Eternitwerke AG. Negli anni '40 e '50 l'eternit viene impiegato soprattutto in edilizia, grazie al suo alto potere di resistenza al calore ed all'isolamento. Tegole, pavimenti, tubazioni, canne fumarie, cisterne di raccolta dell'acqua, furono realizzate con fibre d'amianto inconsci dei danni che avrebbe causato in futuro.

Alcuni studi effettuati sul materiale portarono alla scoperta della sua dannosità per l'uomo.

Nel 1992 iniziò ad essere vietato il suo uso in Italia con la Legge n. 257 del marzo 1992: Norme relative alla cessazione dell'impiego dell'amianto.

Nel 1994 fu riconosciuta l'asbestosi (una malattia respiratoria cronica legata alle proprietà delle fibre di asbesto di provocare una fibrosi del tessuto polmonare) come prima malattia identificata dall'INAIL causata da tale materiale. L'inalazione delle polveri si è scoperto successivamente che può provocare anche la mesotelioma (pleurico, pericardico e peritoneale) ed il carcinoma polmonare, tumori del tratto gastro-intestinale, della laringe e di altre sedi.

Il decreto ministeriale del 6 settembre 1994 impose la necessità di intervenire con delicate operazioni di bonifica amianto in tutte le strutture edilizie che lo contenessero individuando 3 tecniche di intervento:
  • Rimozione eternit: consiste nella rimozione delle lastre e sostituzione con altri materiali se necessario. I materiali rimossi essendo rifiuti pericolosi dovranno essere smaltiti in modo corretto e alla fine della rimozione verrà rilasciato attestato di smaltimento a discarica autorizzata.
  • Incapsulamento: consiste nel trattamento dell'amianto con prodotti incapsulanti che tendono ad inglobare le fibre di amianto e ad impedire la loro liberazione dalla matrice cementizia. E' sconsigliato in quanto il problema dell'amianto permane nell'edificio e quindi continua la necessità di mantenere un programma di controllo e manutenzione.
  • Confinamento (o sovra copertura): installazione di una copertura metallica a tenuta che separi l'amianto dalle aree occupate dell'edificio. Se non viene associato ad un trattamento incapsulante, il rilascio di fibre continua all'interno del confinamento. È una soluzione migliore dell'incapsulamento, in quanto si crea una barriera resistente agli urti e quindi più sicura, però il problema dell'amianto permane nell'edificio e quindi continua la necessità di mantenere un programma di controllo e manutenzione.

È responsabilità del singolo proprietario accertarsi che il tetto del proprio capannone sia a norma e che non costituisca un rischio per la salute di chiunque lavori al suo interno e per l'ambiente circostante. Monetti Group esegue interventi di bonifica dei tetti in eternit, in conformità alle normative vigenti in materia, grazie al personale specializzato ed abilitato. Qualora nell'ambiente circostante il tetto con parti in amianto, si verifichi una dispersione di fibre superiore ai valori massimi consentiti dalle normative vigenti, diventa obbligatorio intervenire con azioni di bonifica eternit amianto con una delle tecniche d'intervento sopra descritto (la rimozione, l'incapsulamento la sopracopertura). In base allo stato di degrado e alla pericolosità saremmo in grado di consigliarvi il tipo di bonifica più idoneo a risolvere il problema eternit amianto.


Inviaci una email

INFORMATIVA PRIVACY:
Compilando ed inviando questo modulo si autorizza la ditta ad inserire i dati immessi nel proprio elenco clienti per l'invio di materiale informativo, pubblicitario o promozionale. In ogni momento, a norma dell'art.13 Legge 196/03, si potrà avere accesso ai propri dati, chiederne la modifica o la cancellazione, oppure opporsi al loro utilizzo scrivendoci.


Accetto l'informativa *